Sodio edetato moni (Monico spa)

Soluzione per infusione conc 5f 0,5g 5ml

da12.79 €
Principio attivo:Acido edetico sale disodico
Gruppo terapeutico:Tutti gli altri prodotti terapeutici
Tipo di farmaco:Farmaco generico
Rimborsabilità:C
Ricetta:Osp - uso ospedaliero
GlucosioNon presente
GlutineNon presente
LattosioNon presente



FOGLIETTO ILLUSTRATIVO
Indicazioni terapeutiche
  • ipercalcemia
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Posologia

    Nel trattamento dell’ipercalcemia, la dose usuale nell’adulto è di 50 mg/kg/die fino ad un massimo di 3 g/die; la dose usuale nei bambini è di 40 mg/kg/die.

    Questa dose viene somministrata per 5 giorni consecutivi seguiti da due giorni senza somministrazione. Il ciclo viene ripetuto per altre due volte.

    La somministrazione avviene dopo diluizione (1 g in 100 ml di soluzione glucosata 5% o di soluzione fisiologica). La dose calcolata in base al peso corporeo deve essere diluita in 500 ml di soluzione fisiologica o glucosata al 5% e somministrata per infusione endovenosa lenta (2–4 ore). La velocità di infusione deve essere diminuita se si verificano segni di reattività muscolare; l’infusione deve essere interrotta in caso di tetania e può riprendere solo se le contrazioni sono terminate e se le concentrazioni di calcio plasmatico indicano la necessità di un ulteriore trattamento.

    La soluzione deve essere limpida, incolore e priva di particelle visibili. La fiala deve essere usata in un’unica ed ininterrotta somministrazione e l’eventuale residuo non può essere utilizzato.

    Controindicazioni
  • ipersensibilit√† al principio attivo
  • sostanze strettamente correlate da un punto di vista chimico
  • altre
  • allattamento
  • pazienti anziani
  • gravidanza
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Interazioni
  • stati effettuati studi specifici di interazione
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Avvertenze

    Sodio edetato deve essere usato con cautela nei pazienti con ipokaliemia, tubercolosi, ridotta funzionalità cardiaca, diabete mellito e precedenti di convulsioni.

    Il sodio edetato abbassa la glicemia riducendo le richieste di insulina nei pazienti diabetici.

    Un supplemento di calcio può essere somministrato per via endovenosa con estrema cautela in pazienti con tetania e, particolarmente, in pazienti trattati con digitale, poiché gli effetti della digitale possono essere diminuiti.

    La soluzione ipertonica endovenosa è irritante per i tessuti e deve essere usata solo dopo opportuna diluizione, con precauzione e a velocità controllata. Evitare stravasi.

    Occorre monitorare regolarmente la funzionalità cardiaca, renale e la concentrazione plasmatica degli elettroliti, in particolare lo ione calcio; inoltre si raccomanda di effettuare giornalmente l’analisi delle urine.

    L’insorgenza di ipomagnesemia deve essere tenuta in considerazione in caso di trattamento prolungato.

    Non confondere il Sodio edetato con il Sodio Calcio Edetato. Non usare l’abbreviazione "EDTA" o "edetato" quando si prescrive o si dispensa il medicinale per evitare possibilità di confondimento.

    Gravidanza

    L’uso del sodio edetato è controindicato durante il primo trimestre di gravidanza e, nell’ulteriore periodo, ne è consigliata la somministrazione solo sotto diretto controllo medico e se assolutamente necessario.

    L’uso del sodio edetato è controindicato durante l’allattamento.

    Effetti Collaterali

    Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati del sodio edetato organizzati secondo la classificazione MedDRA. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effetti elencati.

    Patologie gastrointestinali: nausea, vomito e diarrea, dolori addominali.

    Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo: dermatiti localizzate in prossimità del naso e degli angoli della bocca, del mento, sulla fronte, sulla mucosa orale e sullo scroto, eruzioni cutanee.

    Patologie cardiache: durante la somministrazione e per qualche ora dopo si può verificare una leggera ipotensione.

    Patologie del metabolismo e della nutrizione: iperuricemia.

    Patologie renali ed urinarie: danni renali in seguito a trattamenti a lungo termine.

    Patologie del sistema nervoso; cefalea.

    Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione: febbre.

    La somministrazione endovenosa troppo rapida o l’impiego di soluzioni troppo concentrate può provocare una sensazione di bruciore nella zona di iniezione, ipocalcemia, tetania, convulsioni, arresto respiratorio, aritmie cardiache.

    Eccipienti

    Sodio edetato 500 mg/5 ml: sodio idrossido (100 g/l) ml 0,5, acqua per preparazioni iniettabili q.b.

    Sodio edetato 2 g/10 ml: sodio idrossido (100 g/l) ml 2, acqua per preparazioni iniettabili q.b.

    Conservazione

    Conservare al riparo della luce

    TENERE IL MEDICINALE FUORI DALLA PORTATA E DALLA VISTA DEI BAMBINI.