Eudigox (Teofarma srl)

Capsule molli 40cps 0,100mg

Cambia forma e dosaggio >
da2.79 €
Principio attivo:Digossina
Gruppo terapeutico:Glicosidi cardiaci
Tipo di farmaco:Farmaco etico
Rimborsabilità:A
Ricetta:Rr - ripetibile 10v in 6mesi
GlucosioNon presente
GlutinePresente
LattosioPresente



FOGLIETTO ILLUSTRATIVO
Indicazioni terapeutiche
  • tachicardia parossistica atriale
  • flutter atriale
  • insufficienza cardiaca
  • fibrillazione
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Posologia

    La posologia della digitale deve essere adattata individualmente. A titolo orientativo si riporta il seguente schema terapeutico: dosi iniziali di 2-4 capsule al giorno da 0,200 mg oppure 4-8 capsule da 0,100 mg, secondo prescrizione medica. Terapia di mantenimento: 1-2 capsule al giorno da 0,200 mg oppure 2-4 capsule da 0,100 mg.

    Controindicazioni
  • componenti del prodotto
  • intossicazione digitalica
  • fibrillazione ventricolare
  • ipopotassiemia
  • tachicardia
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Interazioni
  • calcio
  • digossina
  • neomicina
  • propranololo
  • simpaticomimetici
  • digitale
  • succinilcolina
  • colestiramina
  • digitalici
  • guanetidina
  • vitamina
  • chinidina
  • sulfasalazina
  • antiacidi
  • paratiroide
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Avvertenze

    L’uso della digitale e dei suoi derivati per il trattamento dell’obesità è pericoloso poiché non offre garanzie di efficacia e può provocare aritmie talora di notevole gravità o altre reazioni secondarie.

    Gli effetti collaterali dei glicosidi cardioattivi  sono in genere dovuti a dosi iniziali troppo alte o somministrate troppo rapidamente ovvero alla concomitanza di numerosi fattori che determinano fenomeni di accumulo della dose di mantenimento o che predispongono alle loro manifestazioni tossiche. Nei pazienti anziani è consigliabile attuare una digitalizzazione graduale partendo dalle dosi più basse, eccetto i casi di urgenze. Nel neonato e nel prematuro le dosi debbono essere stabilite tenendo conto di un’eventuale minore tolleranza verso la digitale, in relazione ad una possibile immaturità funzionale del fegato e del rene. Qualora il paziente per un periodo di una o due settimane precedenti l’inizio della terapia abbia assunto altri prodotti contenenti digitale, le dosi dovranno essere ridotte in proporzione ovvero attentamente controllate. Nei pazienti con ridotta funzionalità renale si richiedono spesso dosi inferiori a quelle normali. Una condizione di ipopotassiemia dovuta ad esempio all’uso di diuretici, di cortisonici, ad uno stato di malnutrizione, all’età senile in genere, ad uno scompenso cardiaco di vecchia data, sensibilizza il cuore all’azione della digitale. Anche l’ipercalcemia e l’ipomagnesiemia possono facilitare la comparsa di turbe del ritmo durante la terapia digitalica. In questi casi è pertanto indispensabile prima e durante il trattamento, mantenere nei pazienti l’equilibrio elettrolitico entro i limiti della normalità; si può rendere inoltre necessaria la somministrazione di dosi ridotte di digitale sia nel periodo della digitalizzazione che nella terapia di mantenimento. Le tachiaritmie atriali in corso d’ipertiroidismo sono particolarmente resistenti alla terapia digitalica. Nell’ipotiroidismo può verificarsi un rallentamento dell’escrezione dei digitalici e quindi un loro accumulo nel sangue. L’uso dei glicosidi cardioattivi nelle tachicardie ventricolari, può essere effettuato solo se accompagnano uno stato di insufficienza cardiaca e non siano espressione di uno stato di insufficienza digitalica. La digitale non è indicata nella terapia della fibrillazione atriale in pazienti con sindrome di Wolff Parkinson-White in quanto un’accentuazione della conduzione attraverso le vie accessorie determina un aumento della frequenza ventricolare fino alla comparsa di fibrillazione. Inoltre la digitale non è indicata nel trattamento delle tachicardie  sinusali a meno che non si accompagnino a scompenso cardiaco. Pazienti con gravi carditi, come quella reumatica, con infarto miocardico recente, o con gravi malattie polmonari, sono particolarmente sensibili nei confronti delle turbe del ritmo indotte dalla digitale.

    I pazienti trattati con digossina non dovrebbero assumere preparazioni a base di hypericum perforatum, in quanto l’assunzione contemporanea di preparazioni a base di hypericum perforatum può causare diminuzione dell’efficacia terapeutica di digossina (vedi Sez. 4.5).

    Tenere il medicinale fuori dalla portata dei bambini.

    Gravidanza

    Nelle donne in stato di gravidanza e durante l’allattamento Eudigox va usato solo nei casi di effettiva necessità  sotto il diretto controllo del medico.

    Effetti Collaterali

    Le manifestazioni più frequenti sono rappresentate da disturbi gastrointestinali (scialorrea, nausea, vomito, diarrea), da disturbi del sistema nervoso centrale (cefalea, astenia, torpore) e periferici (scotomi, visione indistinta, visione gialla) e da disturbi cardiaci (extrasistoli ventricolari, bigeminismo, tachicardia ventricolare, dissociazione atrio-ventricolare, tachicardia giunzionale A-V, tachicardia atriale parossitica con blocco, turbe della conduzione fino a blocco completo). La nausea e il vomito possono precedere, ma non obbligatoriamente, la comparsa delle aritmie. La somministrazione di potassio (ad esempio infusione endovenosa di 40 mEq di KCl in 500 ml di glucosio al 5%) può essere utile per il trattamento delle aritmie da digitale. Il potassio non è indicato se esiste un blocco atrioventricolare.

    Eccipienti

    Una capsula contiene: N,N dimetilacetamide; glicerolo; acqua depurata; polietilenglicole 600. Capsula contenitrice: gelatina; glicerolo; sodio p-idrossibenzoato di etile; sodio p-idrossibenzoato di propile; giallo arancio (E110).

    Conservazione

    Nessuna.