Paracetamolo sand (Sandoz spa)

Compresse 20cpr 500mg

Cambia forma e dosaggio >
da3.70 €
Principio attivo:Paracetamolo
Gruppo terapeutico:Altri analgesici ed antipiretici
Tipo di farmaco:Farmaco generico
Rimborsabilità:C
Ricetta:Otc - libera vendita
GlucosioNon presente
GlutineNon presente
LattosioNon presente



FOGLIETTO ILLUSTRATIVO
Indicazioni terapeutiche
  • dolore
  • febbre
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Posologia

    <Paracetamolo Sandoz 500 mg compresse>

    Adulti e bambini sopra i 15 anni

    1–2 compresse alla volta, fino a un massimo di 6 compresse nelle 24 ore.

    Bambini tra i 12 e i 15 anni (40–55 kg di peso corporeo)

    1 compressa alla volta, 4–6 compresse nelle 24 ore.

    Bambini tra i 9 e i 12 anni (33–40 kg di peso corporeo)

    1 compressa alla volta, 3–4 compresse nelle 24 ore.

    L’intervallo di dosaggio minimo deve essere di 4 ore. Pertanto, quando i sintomi del dolore si ripresentano, la somministrazione non può essere ripetuta prima che siano trascorse 4 ore.

    Pazienti alcolisti

    Non deve essere superato il dosaggio massimo di 4 compresse nelle 24 ore.

    Modo di somministrazione

    Deglutire le compresse con una quantità sufficiente di acqua, oppure scioglierle in una quantità adeguata di acqua, mescolare bene e bere.

    La somministrazione ripetuta è permessa, in funzione dei sintomi ricorrenti (dolore).

    <Paracetamolo Sandoz 1000 mg compresse>

    Iniziare con mezza compressa (500 mg) e, se necessario, assumere 1 compressa (1000 mg); la dose massima giornaliera è di 4 compresse (4000 mg).

    L’intervallo di dosaggio minimo deve essere di 4 ore. Pertanto, quando i sintomi del dolore si ripresentano, la somministrazione non può essere ripetuta prima che siano trascorse 4 ore.

    Da non usare nei bambini sotto i 15 anni.

    Pazienti alcolisti

    Non deve essere superato il dosaggio massimo di 2 compresse nelle 24 ore.

    Modo di somministrazione

    Deglutire le compresse con una quantità sufficiente di acqua, oppure scioglierle in una quantità adeguata di acqua, mescolare bene e bere.

    La somministrazione ripetuta è permessa, in funzione dei sintomi ricorrenti (dolore).

    Controindicazioni
  • ipersensibilit√† al principio attivo
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Interazioni
  • zidovudina
  • cronico di alcolici
  • induttori di enzimi epatici
  • cloramfenicolo
  • barbiturici
  • paracetamolo
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Avvertenze

    L’uso prolungato o frequente non è raccomandato. Si consiglia cautela in caso di compromissione della funzionalità epatica e renale e di alcolismo cronico; in questi casi la dose giornaliera non deve superare i 2 g. La singola somministrazione per diverse volte di una dose superiore alla massima dose giornaliera può nuocere gravemente al fegato. Sebbene non si verifichi alcuno stato di incoscienza, si deve tuttavia consultare immediatamente un medico.

    Gravidanza

    Gravidanza

    Gli studi epidemiologici sull’uso orale di dosaggi terapeutici di paracetamolo non hanno mostrato effetti nocivi sulla gravidanza né sulla salute del feto/neonato. A dosaggi terapeutici, paracetamolo può essere usato durante la gravidanza.

    Allattamento

    Paracetamolo viene escreto in piccole quantità nel latte materno. Nei neonati allattati al seno non è stato dimostrato alcun effetto. Paracetamolo può essere usato per breve tempo durante l’allattamento, purché non vengano superati i dosaggi raccomandati. Nell’uso a più lungo termine deve essere raccomandata cautela.

    Effetti Collaterali

    Con i dosaggi terapeutici si verificano pochi effetti avversi. Gli eventi avversi sono elencati di seguito, suddivisi per classe sistemico–organica e per frequenza. Le frequenze sono definite come: molto comune (≥1/10), comune (≥1/100, <1/10), non comune (≥1/1000, <1/100), rara (≥1/10.000, <1/1000), molto rara (<1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

    Patologie del sistema emolinfopoietico

    Rara: agranulocitosi (dopo un uso prolungato), porpora trombocitopenica e anemia emolitica

    Disturbi del sistema immunitario

    Non comune: reazioni allergiche, in particolare eruzione cutanea, orticaria e febbre

    Patologie epatobiliari

    Dosaggi di paracetamolo fino a 7,5 g (nei bambini dosi superiori a 140 mg/kg) possono causare danni al fegato; quantità maggiori provocano una necrosi irreversibile del fegato.

    Patologie renali e urinarie

    Molto rara: in un singolo caso, dopo un utilizzo a lunghissimo termine e a dosi elevate, è stata riportata nefrite interstiziale.

    Eccipienti

    Povidone K–30 (E1201)

    Amido pre–gelatinizzato (di mais)

    Sodio amido glicolato (tipo A)

    Acido stearico (E570)

    Conservazione

    Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.