Principio attivo:Sodio acetato/potassio cloruro/magnesio cloruro/potassio bibasico/glucosio (destrosio) monoidrato
Gruppo terapeutico:Soluzioni endovena
Tipo di farmaco:Farmaco generico
Rimborsabilità:C
Ricetta:Rr - ripetibile 10v in 6mesi
GlucosioNon presente
GlutineNon presente
LattosioPresente



FOGLIETTO ILLUSTRATIVO
Indicazioni terapeutiche
  • acidosi
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Posologia

    Per via endovenosa. La dose è dipendente dall’età, peso e condizioni cliniche paziente. E’ consigliabile somministrare a dosaggio non superiore a 0,4-0,8 g/ora di glucosio per Kg di peso corporeo, questa velocità d’infusione elimina il rischio di un sovraccarico di potassio per questa preparazione. Tenere in considerazione che il fabbisogno giornaliero di potassio è nel bambino di 2-3 mEq/Kg.

    Controindicazioni
  • insufficienza renale oligurica
  • trasfusione di sangue usando la stessa via venosa
  • ritenzione di potassio
  • frequenza respiratoria è inferiore ai 16 atti respiratori al minuto
  • incapacità a metabolizzare lo ione acetato
  • grave insufficienza epatica
  • iperkaliemia
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Interazioni
  • rimanda il medico utilizzatore alla letteratura scientifica.</p
  • Leggi l'intera sezione del foglietto
    Avvertenze

    Usare subito dopo l’apertura del contenitore. La soluzione deve essere limpida, incolore o di colore leggermente giallo paglierino e priva di particelle visibili. Serve per una sola ed ininterrotta somministrazione e l’eventuale residuo non può essere utilizzato. Soluzione ipertonica endovenosa da somministrare con precauzione a velocità controllata di perfusione.

    Usare con cautela in pazienti con diabete mellito, monitorizzando la glicemia per le correzioni farmacologiche opportune.

    Usare con grande cautela in pazienti con scompenso cardiaco congestizio, insufficienza renale grave ed in stati clinici associati ad edemi e ritenzione idrosalina; in pazienti in trattamento con farmaci corticosteroidei o corticotropinici. Per la presenza di potassio, la somministrazione deve essere guidata attraverso elettrocardiogrammi seriati; la potassiemia non è indicativa delle concentrazioni di potassio cellulari. Utilizzare con cautela in cardiopatici specie se digitalizzati, nelle insufficienze surrenaliche, in soggetti con miotonia congenita e paralisi periodica familiare, nelle prime fasi post-operatorie, in pazienti che ricevono farmaci depressori del SNC o bloccanti neuromuscolari. L’infusione di fosfati può provocare ipocalcemia.

    Monitorizzare il bilancio dei fluidi, gli elettroliti, l’osmolarità plasmatica e l’equilibrio acido-base.

    Somministrare solo a funzionalità renale integra e ad una velocità di perfusione non superiore a 10 mEq potassio/ora.

    Gravidanza

    Non pertinente.

    Effetti Collaterali

    Disturbi gastrointestinali, disturbi neuromuscolari, parestesie. A carico dell’apparato cardiovascolare: ipotensione, aritmie, disturbi della conduzione. Risposte febbrili, infezioni nella sede di iniezione, trombosi venose o flebiti. In caso di reazione avversa interrompere la somministrazione e conservare il rimanente fluido non somministrato per eventuali esami.

    Eccipienti

    Acqua per preparazioni iniettabili.

    Conservazione

    Nessuna particolare condizione di conservazione.

    La data di scadenza si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato. Non usare oltre tale data.